Altri Articoli

News

Oublier Ypres. Per Corrado e Billy trasferta da dimenticare in Belgio

Como, 23 giugno 2007

Prima giornata di gara: piogge improvvise; condizioni dell’asfalto im­prevedibili; percorso veloce e viscidissimo. Terza prova speciale: 6a marcia piena; gomme da bagnato sull’ asfalto asciutto e con tagli fangosi. Le leggi della fisica si chiamano leggi per­ché si fanno rispettare, con severa puntua­lità, come dire che quando la macchina scoda come un’anguilla e a 160 km/h, su una strada che non prevede lo spazio di un errore, il posteriore ti parte, beh, forse è tempo di salutare; in questo caso la gara. Per Corrado Fontana e Billy Casazza la gara è finita alla p.s. 3 della prima tappa, con un’uscita di strada a tutta velocità; nessun danno collaterale per i due campioni, solo tanta amarezza. Amarezza per una gara che si preannunciava piena di colpi di scena. E ce n’è stato soprattutto uno di colpo, e la punto S2000 non l’ha retto. Ypres ha mantenuto le promesse: suggestivo paesaggio fiabesco, ma condizioni at­mosferiche umide e infernali, con piogge scroscianti che hanno devastato il percorso aggiungendo e nascondendo ad ogni passaggio un’insidia. La scelta delle gomme da bagnato è stata determinante per l’uscita di strada, come ammette Corrado: “ la macchina si muoveva molto, e le correzioni, anche minime, la rendevano poco precisa da guidare…stavamo andando davvero veloce, ma appena il posteriore ha toccato il prato, non c’è stato più nulla da fare”. Una gara buttata via…”, questo è il commento di Billy. E infatti non c’è altro da aggiungere. È finita male. Ma l’Europeo non è finito qui. I campioni dimostrano di esserlo quando vengono sconfitti e si rialzano. Le ferite si curano, le auto si rimettono in strada, e si punta ai prossimi traguardi. Il prossimo appuntamento è già vicino: 6-8 luglio a Borovetz per il Rally di Bulgaria.

 

Altri Articoli

sponsor

sponsor

sponsor

sponsor

sponsor

Iscriviti alla newsletter